Netgaming in Crisi…

Postato il Aggiornato il

Eccoci di nuovo, siete ancora in mia compagnia in questo piccolo blog taggato N3rd’s L1f3.
Pagina che parlerà, se mi avete seguito nello scorso numero, di tutto ciò che riguarda i Videogiochi.
In questo piccolo articolo parlerò del NetGaming.
Cosa è il NetGaming? Questa è la domanda che un principiante si pone leggendo la parola sopra indicata.

Ebbene, la parola NetGaming se scomposta diventa: Net (=Online) Gaming (=Gioco); questo vuol dire che parlare di NetGaming equivale a parlare di di Gioco Online.
Quanti di voi giocano online? Scommetto che il 99% di quelli che mi leggono praticano questa forma di “sport” per due motivi: il primo è che questa è una rivista appunto che tratta di E-sport Elettronico mentre per secondo punto, come si fa a giocare ad un gioco solo contro la IA del Computer!
Ci vuole per forza di cose, un incentivo, una voglia di sfida; perché non sfidare avversari in carne ed ossa.
Questa è la politica che si cela dietro ai NetGamers, comunità di giocatori che si sfidano, si aiutano e si conoscono.
Cosa incentiva un giocatore a giocare nelle arene online contro altri giocatori proprio come lui? Semplice, la voglia di essere superiori.
Quella voglia irrefrenabile di finire una partita in Prima Posizione con un punteggio superlativo, la voglia di far vedere al mondo di essere un grande, la voglia di sbeffeggiare ai propri amici quello che si è…
Dietro a queste piccole comunità vi sono delle grandi associazioni che organizzano tornei e competizioni di livello professionale; molte con montepremi da rimanere folgorati (un esempio sono le scorse ESL Pro Series con un montepremi pari a 30.000 €).
Una delle Associazioni più grande del NetGaming è sicuramente la Electronic Sports League (ESL).
La ESL ha supportato per anni, grazie a sponsor di grande rilevanza come Intel e SteelSeries, i maggiori tornei facenti parte di questa singolare disciplina.
La coppia Progaming ed ESL Italia è stata un toccasana per la nostra penisola e per questo nuovo Sport Elettronico.
Fino ad oggi…
La crisi che sta colpendo in questi mesi l’Italia ha toccato anche questo piccolo e sensibile mondo.
Per parlare di come il NetGaming per PC stia morendo dobbiamo analizzare dall’inizio…
I portali organizzatori di tornei online e i singoli MultiGaming e Associazioni si mantengono unicamente dagli Sponsor.
Questo mondo è praticamente e costantemente mantenuto dalla rappresentazione degli Sponsor, per Sponsor intendo aziende come Intel, NVIDIA, ATI, SteelSeries, Qpad
Sono loro a dare i Montepremi e tutti i soldi necessari all’esercitazione di questa disciplina, sono loro che sostengono e promuovono questo mondo nascosto e mal visto.

Con l’attuale crisi, loro stanno fallendo.
Il ritiro di Sponsor del calibro di Intel da ESL non fa presagire nulla di buono…
Il suo ritiro consiste in una mancanza di fondi per supportare le iniziative proposte dal portale.
Molti sono stati i portali organizzatori di tornei a chiudere i battenti, uno di questi è la famosissima e popolatissima LAN Mondiale, Electronic Sports World Cyber Games (ESWCG).
Il pessimismo dopo questa notizia sta andando sempre più accentuandosi man mano che passano i giorni.
Campioni professionistici come Emmanuel Rodriguez, i quali vivevano grazie alle vittorie portate a casa e ai soldi degli Sponsor, si stanno cercando un lavoro “vero” per riuscire a continuare a vivere dignitosamente.
Discorso a parte meritano le ESL Pro Series VIII (EPS VIII).
Per entrare in questo mega-torneo di Serie A, bisogna prima superare le ESL Amateur Series (EAS).
Per partecipare alle qualificazioni, secondo il regolamento ESL, il team partecipante (composto da 5 persone in caso di giochi a squadra come Call of Duty 4 o Counter Strike: Source) deve obbligatoriamente possedere la ESL Premium Accout; per far ciò ogni giocatore deve acquistare la Premium al costo di 9,50 € l’una.
Le MultiGaming che supportano i Team, pagano quindi la somma di ben 47,50 € tondi tondi a Team.
Se ad esempio una MultiGaming possiede un team di Call of Duty 4 e uno di Counter Strike: Source, per far

partecipare i suoi team alla competizione deve sborsare la bellezza di 95,00 €.

Non stiamo parlando di caramelle, ma di un magnifico Centone da sborsare senza nessuna sicurezza che il Team riuscirà a qualificarsi alle ESL Pro Series.
Che sia anche questa la causa della cadenza di Team nel torneo cadetto EAS? Non si sa…
L’unica cosa che posso dire è che, la nuova edizione di ESL Pro Series non si sbriga ad arrivare; dopo che i MultiGaming hanno pagato una fortuna in Team, i qualificati non hanno ancora ricevuto l’entrata ufficiale in questo famosissimo torneo. Senza contare che i 30.000 € della scorsa stagione non sono ancora stati distribuiti tra i vincitori…
La cosa inizia davvero a preoccupare; che sia l’inizio della Fine?

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...